Un dolce alternativo: ciambella di riso gluten-free

“Pronto? Ciao! Quindi ci sei stasera a cena? Certo. Ah, ti informo che viene anche un’amica che sta mangiando senza glutine… Veramente pensavo di fare una torta… mm, lasciami pensare…”

Sono le cinque del pomeriggio e le informazioni appena ricevute mi scombussolano un po’ i piani. Avevo pensato di fare una ciambella, ovviamente vegana, magari alla frutta o al cioccolato, ma la ricetta che uso sempre contiene farina di grano, che come sappiamo non è adatto a chi soffre di celiachia.

Non voglio abbandonare il progetto di fare un dolce, e questa volta devo inventarmi un dessert senza glutine (quindi niente grano, avena, farro, orzo), senza uova, latte, burro, yogurt né margarina. E magari anche buono… sfida accettata!

Tempo fa mi ero ingegnato a preparare un rollè, una specie di sushi dolce a base di riso integrale e crema di mango, ed è proprio questo ricordo che mi ha ispirato nella creazione del ciambelline gluten-free che propongo oggi in questa ricetta.

Leggero e dal gusto delicato, è stato apprezzato anche da chi non è vegano. Buon divertimento!

Ciambella di riso senza glutine

005 ciambella al riso

Ingredienti:

  • Due bicchieri e mezzo di riso integrale (la misura si riferisce al riso non cotto)
  • 50 g noci
  • 50 g uva passa
  • 50 g datteri
  • 3 cucchiai di zucchero integrale (tipo Mascobado)
  • Un’arancia piccola
  • Mezza bustina di lievito per dolci
  • Olio
  • Sale

Mettiamo il riso in una pentola e aggiungiamo 7 bicchieri d’acqua a temperatura ambiente, aggiungiamo un pizzico di sale. Portiamo ad ebollizione e lasciamo cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti. La quantità d’acqua necessaria ed il tempo di cottura variano in base alla qualità del riso. Questo deve risultare ben cotto, anzi deve arrivare ad essere scotto. Se l’acqua si asciuga prima della cottura possiamo tenere a portata di mano un pentolino con acqua bollente da aggiungere un po’ alla volta, come si fa col risotto, ma in questo caso anziché il brodo aggiungeremo semplicemente acqua perché si tratta di un dolce.

Quando il riso è ben cotto spegniamo il gas e lasciamo raffreddare. Se necessario eliminiamo l’acqua in eccesso scolando il riso e conservando l’acqua a parte.

Possiamo usare la stessa acqua, che è calda, oppure altra acqua calda per rinfrescare l’uva passa: la lasciamo in ammollo minimo 30 minuti.

Quando il riso ha raggiunto una temperatura accettabile, lo impastiamo con le mani, aggiungendo le noci tritate, l’uva passa scolata, i datteri tagliati a pezzettini. Grattugiamo la buccia dell’arancia e la aggiungiamo all’impasto. Dell’arancia dobbiamo usare solo la parte più esterna, quella arancione, e non quella bianca.

Aggiungiamo anche un pizzico di sale, lo zucchero, un cucchiaio d’olio ed il lievito. Amalgamiamo bene il tutto.

Prepariamo una teglia ungendola con dell’olio. Quella che ho usato io aveva il diametro di 28 cm.

Mettiamo l’impasto nella teglia, poi lo premiamo per uniformarlo ed unirlo. Inforniamo per 20 minuti a 180°.

Possiamo servire da solo o cospargere ogni fetta già impiattata con una salsa caramello, preparata sciogliendo tre cucchiai di zucchero mascobado in cinque cucchiai d’acqua ed un cucchiaino d’olio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...